Grazia e giustizia o…disgrazia e ingiustizia?!

Ieri i mass media hanno dato una notizia che definire incredibile o, quanto meno, bizzarra è poco. Pare che, tempo fa, in Abruzzo un anziano di ben 72 anni sia stato fermato dai carabinieri in quanto guidava senza cintura. Fin qui si potrebbe dire che sia quasi normale anche se, come possiamo notare quotidianamente, l’obbligo della cintura viene spesso disatteso, ma la cosa assurda è che di fronte ad una reazione un po’ sguaiata dell’anziano questo è stato denunciato e in seguito condannato perché aveva “osato” dire ” che paese di m….”.

L’anziano si era lamentato, giustamente, del fatto che i veri delinquenti vengono perdonati, assolti, condonati, amnistiati e, in molti casi, addirittura premiati ed aveva concluso il suo ragionamento con la classica frase che tutti ma proprio tutti prima o dopo abbiamo pronunciato o quanto meno pensato…che paese di m!

Oltre alla multa, la denuncia e la relativa condanna confermata in cassazione proprio pochi giorni fa. Come si dice oltre al danno la beffa. Probabilmente l’anziano ha voluto sfogarsi dispiacendosi del fatto che ormai questo paese è conciato male ma la nostra giustizia si è dimostrata ancora una volta “puntuale ed efficiente” pizzicandolo e trattandolo da vero delinquente mentre magari chi ha ridotto questo paese un paese di m se la gode a spasso con vitalizi dorati evitando sia condanne sia multe.

Pochi giorni fa un senatore è stato sorpreso ad infrangere il codice della strada e di fronte al vigile urbano che voleva giustamente multarlo ha osato dichiarare che a lui spettava il saluto militare e non la multa. Già, le multe, le tasse e le condanne spettano solo a noi poveri plebei mentre loro…loro no perché loro amministrano lo Stato come se fosse cosa loro tanto che ne utilizzano le casse erariali per pagarsi mutui, dvd ed altro gonfiando le spese a dismisura…vero consiglieri regionali della Campania?? Ah il maggior numero di indagati in questa inchiesta appartiene al partito del paladino degli onesti cioè IDV di Antonio “che c’azzecca” di Pietro…

Di fronte a questi ed altri episodi appare chiara la scena ridicola dell’anziano condannato per nulla o meglio per aver detto la sua verità. La cosa è ancora più assurda e penosa perché si tratta di una condanna emessa nei confronti di una persona anziana ma la nostra giustizia è equa perché non guarda in faccia a nessuno quando c’è da tutelare lo Stato e i cittadini. Ci si chiede come si possano sentire coloro i quali hanno denunciato l’anziano e chi lo ha effettivamente condannato accanendosi in tre gradi di giudizio. Poi sta corte di cassazione che riunisce una sezione per occuparsi dell’anziano automobilista senza cintura invece di occuparsi di cose un po’ più serie…mah!

Tutti abbiamo fiducia che personaggi come la Boldrini, Grasso, Finocchiaro e, last but not least Daniela “gommone” Santanchè sapranno, con l’aiuto dei mass media capitanati dal marito della futura vice presidente della Camera, Alessandro Sallusti, dirimere la questione giustizia assicurando equità a tutti e impunità ad alcuni…

A parte tutti i ragionamenti del caso è emersa ancora una volta l’inadeguatezza del nostro ordinamento giudiziario sempre troppo impegnate in inezie e poco in episodi seri che meriterebbero più attenzione e giustizia. E’ evidente che il sistema non è in grado di reggere alle pressioni ed infatti cerca di scrollarsi di dosso i problemi auspicando, un giorno sì e uno anche, amnistie, indulti e condoni magari per potersi concentrare maggiormente sugli anziani che sfottono la Nazione…ma fare il contrario no?? magari lasciar perdere queste scemate per concentrarsi sui grandi reati di associazione a delinquere, reati econimico finanziari e soprattutto…politici.

La popolazione sarebbe grata e soddisfatta senza contare che il Paese avrebbe solo da guadagnare potendo diventare, semplicemente, un paese migliore!!

…SOTTO A CHI TOCCA…

Annunci

Boldrini & Grasso spa

Sembra proprio che la nostra Boldrini abbia trovato un degno compare di castronerie. Sappiamo già cosa e come la signora Boldrini si è espressa a proposito, o meglio a sproposito, di vari argomenti ma il sig. Grasso sembra volerle togliere la scena.

Ultimamente la Boldrini ha mostrato di non conoscere assolutamente la nostra carta costituzionale e questa cosa è gravissima visto che ricopre pur sempre la terza carica Istituzionale.

Pochi giorni fa la morettona di piazza Montecitorio ha dichiarato che solamente quando tutti gli immigrati avranno pari diritti e un sussidio per vivere degnamente, essa affermerà che il nostro paese è un paese civile. Ma, la sig.ra Boldrini sa o non sa che un disoccupato straniero prende circa 40 euro al giorno di sussidio? Cioè circa 1200 euro al mese!! E, sempre la signora Boldrini sa o no sa che, ad esempio, un invalido civile italiano percepisce una pensione di nemmeno 600 euro al mese compreso l’accompagnamento?

Da ciò che dichiara non solo non conosce la Costituzione ma nemmeno le dinamiche sociali. Incivile è parlare come parla questa signora venuta dal nulla per volontà del sig.Vendola che, con il suo 2,3% alle ultime elezioni, pensa di essere un leader maximo, un novello Fidel Castro con tanto di orecchino per intenderci, volendo imporre sia le sue idee sia, cosa drammatica, i suoi personaggi.

La maggior parte delle persone rimane sorpresa sia dal tenore di queste dichiarazioni sia dal fatto che non si riesce proprio a capire come si possano pensare e, peggio, dichiarare simili sciocchezze ( per usare un eufemismo).

E’ di pochi giorni fa la notizia in base alla quale la Boldrini non sarebbe più sola nella sua personalissima lotta… contro il buonsenso e la civiltà. Con lei si è schierata apertamente la seconda carica dello Stato, il sig. Grasso che dopo aver passato una intera vita a non prendere mai una posizione e, dopo aver abbandonato i suoi pubblici ministeri rifiutando di firmare un documento a difesa dei magistrati che da lui dipendevano in quanto capo della procura, ha scelto il Parlamento per esprimere finalmente una sua opinione. In questo caso era meglio mai che tardi…

L’opinione di Grasso riguardo ai cosiddetti pianisti del Parlamento è, a dir poco, sconcertante. Il movimento 5 Stelle, tramite alcuni suoi esponenti, ha sorpreso alcuni senatori nel bieco comportamento del pianista, in cui si vota per altre persone che sono vergognosamente assenti e, a riprova, è stato girato un video.

Tutti si aspettavano una ferma condanna da colui che, oltre ad essere il Presidente del senato della repubblica, è stato per anni un magistrato e dovrebbe avere un senso della legalità e dell’onestà più alto degli altri e invece…che fa Grasso?? Condanna fermamente… chi ha effettuato le riprese ricordando a tutti che è assolutamente vietato effettuare qualsivoglia filmato in aula. Non ci si crede!! Siamo davvero all’ammazza caffè, magari fossimo solo alla frutta, ci sarebbe qualche speranza di cambiamento. Ma chissà quanti anni sui libri di giurisprudenza avrà dovuto passare il sig. Grasso per partorire una simile idiozia!!

Tutti pensavano e, forse, speravano, che queste due persone fossero in grado di dare il buon esempio invece, la Boldrini da subito e Grasso da poco, non hanno mostrato altro che lontananza dalla realtà e hanno sfiorato, e in certi casi toccato, il ridicolo.

Di questa gente non se ne può davvero più, sono nauseanti nella loro ignoranza e spocchiosità. Rappresentano un cancro inestirpabile che cresce ogni giorno di più.

Può forse consolare il fatto che queste persone, ogni tanto, possano riflettere su quanto sono invise al popolo ma, data la loro inconsistenza, dubitare sul fatto che siano capaci di riflettere è assolutamente lecito.

Auguriamoci che venga presto il giorno in cui non saremo più costretti nè a vedere le loro facce nè, soprattutto, a sentire le loro stupidaggini fuori tempo e fuori luogo come sono loro stessi. Ah complimenti alla loro s.p.a… società per assurdità!!

…SOTTO A CHI TOCCA…