Ennesimo esempio di civiltà…

L’Italia sembra essere davvero essere il regno dell’inciviltà dove la furbizia e, soprattutto l’inefficienza del sistema, sembrano farla da padrone. Allo stato attuale delle cose non sembra possibile una inversione di rotta ma, cosa più grave, ci stiamo sempre di più allontanando da quei paesi che fanno della civiltà e dell’efficienza una loro peculiarità seppur con qualche naturale punto debole.

Pensando, ad esempio, alle calamità naturali come terremoti e alluvioni possiamo notare come nel nostro paese chi, per sua sfortuna, si ritrova coinvolto in simili eventi resti del tutto abbandonato a se stesso con uno Stato assolutamente latitante a partire dal governo, passando per le regioni e per finire ai comuni. Nessuno è mai stato in grado di risolvere i problemi degli sventurati, nemmeno quei problemi di ordinaria quotidianità.

Facendo un parallelismo con quanto accade negli Stati Uniti d’America balzano subito agli occhi alcune profonde differenze. Tutti ricordiamo gli uragani, ad esempio Sandy, che hanno colpito l’America e, in particolare la città di New York. Eventi naturali di una violenza inaudita, capaci di sradicare tutto ciò che incontrano sulla loro strada. Ebbene in questi casi l’amministrazione comunale Newyokese ha mostrato grande organizzazione, solidarietà ed efficienza non facendo mai sentire soli i cittadini resi inermi da cotanto sfacelo.

Gli aiuti sono stati tempestivi sia nell’immediatezza dell’evento, peraltro previsto, sia nella ricostruzione di ciò che è andato distrutto, tanto è vero che chi si dovesse recare ora nelle zone colpite da Sandy non noterebbe alcun disagio o disordine. Poco prima dell’evento erano già stati diramati bollettini informativi su come comportarsi e a chi rivolgersi in caso di emergenza e, poco dopo, sono iniziati subìto le operazioni di soccorso e ricostruzione.

Da noi questo sarebbe, e di fatto è, impossibile visto che abbiamo ancora, ad esempio, L’Aquila da ricostruire nelle sue aree più essenziali ma l’elenco del lassismo e della mancanza di organizzazione potrebbe essere davvero lungo. Ciò accade perché, forse, in Italia si cerca di speculare su tutto anche sul dolore e sulle disgrazie della povera gente dando ragione a coloro i quali ritengono che il nostro paese sia il regno dell’illegalità e, per di più, impunita.

Nei giorni successivi all’uragano Sandy, a New York si è verificato un evento molto particolare. A causa della mancanza di corrente elettrica, milioni di persone, oltre a rimanere al buio totale, sono rimasti senza la possibilità di usare telefoni fissi, telefoni cellulari, tablet e pc, non potendo quindi avere né la possibilità di contattare parenti e amici né quella di tenersi a contatto col mondo esterno, ad esempio, attraverso la rete.

L’amministrazione comunale del sindaco Michael Bloomberg non si è affatto disinteressata di questa esigenza ma anzi ne ha fatto tesoro e, trascorse alcune settimane dall’uragano si è immediatamente messa in moto per approntare delle postazioni di “ricarica” ad energia solare in tutta la città. Così ora a New York City possiamo trovare delle postazioni che potremmo definire una sorta di “benzinaio tecnologico” dove, qualora si dovesse ripresentare l’eventualità, i cittadini potranno per lo meno avere il cellulare o il tablet carico in modo da poter comunicare. Sono addirittura divisi in zone, per iOS e per Android accontentando così sia Appleiani sia fans dell’altro sistema operativo.

Inutile dire che la “ricarica” è assolutamente gratuita e ciò dipende dal fatto elementare secondo cui le tasse vanno pagate (e in America non si sfugge)in cambio di servizi e non come in Italia dove ormai tutti ci siamo abituati all’idea che le tasse vanno pagate e basta, perché sì senza nemmeno più pretendere nulla in cambio.

Anche in avvenimenti tragici l’Italia si mostra claudicante e dovrebbe assolutamente invertire la rotta, imparando da paesi che, seppur con tanti problemi e contraddizioni, si mostrano sempre più civili del nostro e ci distanziano sempre più nella corsa al miglioramento sociale e, di conseguenza, economico.

…SOTTO A CHI TOCCA…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...