Telefonare e navigare in…metropolitana!

Da poco, nella città in cui vivo, è arrivata la possibilità di effettuare telefonate e navigare in internet in metropolitana. Roma si è adeguata, in parte, a città come Milano dove la linea cellulare è una realtà già da un po’ di anni. Grande conquista tecnologica questa che ci da la possibilità di restare in contatto con la “superficie” anche quando siamo nel tubo.

L’utilizzo della rete, come già ebbi a scrivere, è fondamentale per tutti e andrebbe incentivato in ogni senso. Quindi ben venga la diffusione di questa tecnologia anche nei viaggi in metropolitana dove, peraltro, una bella navigata può aiutarci a far passare il monotono tempo del viaggio. Chi di noi, quando ancora non c’era la possibilità di connettersi, non si è lamentato sperando che ben presto questa possibilità diventasse concreta? Una bella chiacchierata sulla chat di Facebook durante un tragitto mattutino da un capolinea all’altro avrebbe certamente alleviato le pene del viaggio anche perché questo viaggio può risultare davvero monotono visto che si svolge, nella maggior parte dei casi, sotto terra, quindi, con ben poco da vedere.

Certo però che se ci facciamo caso, salendo su un qualsiasi convoglio della metropolitana possiamo notare un popolo di compulsivi tutti  (o quasi) con il telefonino in mano, seduti uno accanto all’altro, e tutti collegati, più o meno, allo stesso sito che nel 90% dei casi è il bene amato Facebook o qualche altro social network. Guardando questa scena dall’esterno, appare effettivamente un po’ ridicola ma tant’è visto che abbiamo combattuto e protestato per avere l’amata rete in metropolitana. A parte tutto è evidente che questo sia un segno di progresso e che possa essere davvero utile come solo la rete sa fare. Ad esempio per chi lavora e si sposta in metropolitana può essere di vitale importanza avere sempre la connessione a portata di mano.

Un po’ diverso è, forse, il discorso relativo alla possibilità di effettuare e ricevere telefonate sempre in metropolitana. Può diventare una pratica molesta e segno di evidente maleducazione, tanto più che in Italia non sembra essere possibile parlare normalmente, al limite anche sottovoce, ma sembra sempre e comunque necessario urlare come se fossimo tutti sordi. In qualsiasi luogo si tende a sbraitare, anche solo parlando del più e del meno e ciò accade anche in metropolitana.

Parlare al telefono in mezzo alla gente è spesso segno di maleducazione. Ricordo che, solo fino a pochi anni fa, ad esempio nei ristoranti vi era l’abitudine di spegnere il telefonino. Ora tutto è cambiato, il telefonino è parte della tavola apparecchiata e imbandita quasi fosse necessario come una forchetta o un coltello. Significa che siamo diventati tutti un po’ più maleducati e la metropolitana che è un vero e proprio specchio della società ci dice che siamo una moltitudine di “tossici” del telefonino. Non riusciamo più a farne a meno. Mi chiedo come facevamo, ad esempio, negli anni novanta quando il cellulare non c’era ad avere una vita normale? Come facevamo ad uscire senza cellulare? Basterebbe fare mente locale su quei tempi per accorgersi che si viveva lo stesso tranquillamente.

Forse si doveva offrire solamente la possibilità di navigare e consentire la lettura di un buon libro, magari un E-book senza il vociare molesto delle persone che chiacchierano al telefono e che impediscono, ad esempio, proprio la lettura di qualche pagina di un buon libro da parte di chi cerca di rilassarsi e di ingannare il tempo negli spostamenti, a volte lunghi e faticosi, sulle linee metropolitane delle nostre città.

Comunque, in ultima analisi, non lamentiamoci e diamo alla tecnologia il premio che si merita. Ci rende comunque la vita più agevole e più è fruibile da tutti più c’è un reale progresso che è il fulcro di una buona società.

…SOTTO A CHI TOCCA…

 

 

 

 

 

Annunci

5 thoughts on “Telefonare e navigare in…metropolitana!

  1. Quando serve, è molto utile essere sempre raggiungibili, ma assistere a interminabili telefonate in cui ci si racconta il nulla, sta diventando per me sempre più insopportabile, un po’ per il volume di voce che molte persone hanno, un po’ perchè trovo profondamente maleducato parlare al cellulare per l’intero tragitto sapendo bene di essere a stretto contatto con altra gente. Avere anche solo un banale mal di testa diventa così una maledizione.

  2. Io che a Milano ci vivo, confermo.
    In metropolitana la maggioranza delle persone, giovani e non, sono attaccati al telefono o al tablet.
    WhatsApp la fa da padrone seguita a breve distanza da Facebook.
    Altri invece si perdono nei giocosi Candy Crush o Ruzzle. Qualcuno, che magari deve compiere lunghe traversate si guarda anche un film o una serie tv.
    Fortunatamente sono tutte attività che infastidiscono poco i compagni di viaggio.
    Discorso a parte sono le telefonate – per fortuna poche – molto rumorose e che costringono tutti a sentire conversazioni a caso (del tipo: cosa mi racconti?) tanto per passare il tempo del tragitto.
    Non lo nego, anche io utilizzo il telefono in metropolitana… ma alla telefonata preferisco un messaggio.
    E comunque, la prima cosa che tiro fuori dalla borsa è il mio Kindle 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...