Separati e divisi alla nascita…

images

Siamo un popolo strano, davvero strano. Un popolo che abita una terra splendida con scorci unici e con una storia fatta di arte, scienza, architettura, il tutto alla massima potenza. Pensiamo solo al fatto che il 70% del patrimonio artistico MONDIALE si trova in Italia e, per la cronaca, il 16% di questo 70% si trova a…Roma, un vero e proprio museo a cielo aperto.

Tutte queste meravigliose nostre peculiarità dovrebbero, da una parte, renderci fieri e, dall’altra, renderci uniti sotto la bandiera e sotto un così grande orgoglio nazionale che pochi altri popoli possono vantare. Invece, a quanto pare, non c’e’ popolo diviso come il nostro, per vari motivi che vanno dal campanilismo all’ignoranza passando per usi, costumi e tradizioni. Tempo fa mi è capitato di leggere il testo integrale del nostro inno nazionale, “l’inno di Mameli” e leggendo una parte che non viene cantata negli stadi e in altre occasioni ufficiali, ho trovato una frase molto emblematica e, per certi versi, un pò inquietante se rapportata ai nostri tempi. Il testo recita così:   “… Noi fummo da secoli ,Calpesti, derisi, Perché non siam popolo,  Perché siam divisi…”

Il nostro inno è del 1847 e, a giudicare da questa parte del testo, eravamo già divisi allora. Anzi, sembra quasi, che la divisione e, di conseguenza, la mancanza di unità sia un tratto distintivo del nostro popolo. Addirittura veniamo definiti ” calpesti e derisi” e, forse, analizzando le opinioni che hanno di noi all’estero, non si può fare a meno di ammettere che questa cosa accade realmente. Spesso veniamo sbeffeggiati e considerati un pò i “pagliacci contemporanei” con buona pace degli sforzi che ciascuno può fare per tenere alto il nostro nome.

Le diversità e le divisioni sono sotto gli occhi di tutti noi. Inutile fare gli ipocriti. Più che una nazione siamo un insieme di regioni anzi, di provincie, di comuni, di…quartieri. Abbiamo usi costumi e tradizioni che variano non più da regione a regione ma da città a città e, in taluni casi estremi, da quartiere a quartiere. E la cosa più grave è che, oltre ad essere presenti queste diversità, spesso e volentieri vi è un’antipatia che sfocia nell’odio tra “razze diverse”. Sembra quasi, a volte, di essere di fronte, non tanto a diverse caratteristiche di un popolo, ma a popoli diversi nel vero senso della parola. Pensiamo alla contrapposizione tra nord e sud, tra “terroni” e “polentoni”, pensiamo alla rivalità tra Livorno e Pisa (città che distano tra loro pochi chilometri), pensiamo all’antipatia che scorre tra Siciliani e Calabresi, o alla contrapposizione tra Milano e Roma.

Queste differenze e divisioni sono davvero tristi anche perché potremmo sfruttare meglio le diversità che, oggettivamente, esistono. Avere più sfaccettature non è necessariamente un difetto a patto che queste non diventino oggetto e causa di odi, insulti e altre “carinerie” che, ad esempio, possiamo notare nei cori da stadio con campanilismi degni della più bieca ignoranza. Siamo competitivi per le cose più stupide, da chi ha il vino più buono o chi ha la cucina migliore, quando dovremmo considerare le eccellenze che abbiamo nella loro globalità di eccellenze…ITALIANE e non regionali o, peggio, territoriali.

Una testimonianza emblematica delle nostre assurde e ridicole divisioni fu la frase che la neo eletta Miss Italia, Maria Perrusi (calabrese di Cosenza) ebbe a dire in occasione della prima intervista a caldo: ” sono contenta di aver riportato il titolo in…patria!” Frase assurda, ignorante e, cosa sorprendente, non è stata stigmatizzata da nessuno quasi a testimoniare che la Calabria, in realtà, è un’entità staccata dalla Nazione o che il concorso di Miss Italia non sia un concorso nazionale ma una sorta di ” Giochi senza frontiere”. Si potrebbero elencare altri casi di frasi dello stesso tenore e della stessa lunghezza d’onda ma, spesso, andrebbero veramente ignorate perchè dettate da mera ignoranza.

Il buon Mameli ci aveva visto bene, aveva inquadrato il popolo italiano come realmente è. Sta, anzi, dovrebbe stare a noi cercare in tutti i modi di smentire le sue parole e le diversità che ci portano a dividerci e, i certi casi, ad odiarci l’un l’altro. L’unità nazionale è la base per essere il grande popolo che potenzialmente siamo e non è con stupidi campanilismi che ci sentiamo più forti. Abbiamo mille e mille motivi per essere fieri di essere italiani…facciamo nostri questi motivi, nostri di tutti e facciamo vedere di che pasta siamo fatti. Questo è l’auspicio più grande! Evviva l’Italia…unita!

…SOTTO A CHI TOCCA…

Annunci

6 thoughts on “Separati e divisi alla nascita…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...