Proviamo a dire chi sono i migliori…

images

Oggi mi piacerebbe affrontare una delle più annose questioni musicali, ben sapendo fin da ora che, se ad una conclusione arriverò, essa sarà il risultato di mere valutazioni “personali” e che non si tratterà mai di una ” risposta definitiva” e universale. La questione, un po’ infantile e anche superficiale (mi rendo conto), è di stabilire, in un modo o nell’altro, quale sia e quali siano le migliori band al mondo di sempre. Quante volte ci siamo chiesti, da soli o tra amici, da giovani o da adulti, quali siano i migliori musicisti tra quelli che ci hanno accompagnato e che ancora ci accompagnano nella nostra quotidianità? Credo che tutti gli appassionati di musica lo abbiano fatto prima o poi, chi più chi meno. Ed è anche un “giochetto” divertente in cui si formano delle vere e proprie fazioni, quasi da stadio, ognuna delle quali sfoggia i propri vessilli, difende ed osanna i propri beniamini.

Restando nell’ambito della musica leggera, pop o rock, probabilmente, anzi sicuramente, dobbiamo considerare i Beatles fuori concorso, di un altro pianeta. Essi potrebbero occupare, diciamo, la posizione 1A, la primissima, quella irraggiungibile. La occupano per ciò che hanno rappresentato e per ciò che ancora oggi rappresentano. Con loro tutto ebbe inizio, con loro tutta l’umanità ha imparato ad ascoltare un certo tipo di musica, ad ascoltarla in un certo modo, a delirare di emozioni, ad avere una passione per le note che andava al di là di tutto. Sono stati in grado di inventare una vera e propria leggenda che, ancora oggi, li pone come punto di riferimento di chi ama la musica e li fa considerare tra i personaggi che più hanno inciso nella storia della musica e dell’umanità.

Dobbiamo considerare che, di base, tutti coloro che fanno musica ad un certo livello sono grandissimi musicisti e grandi artisti. Non si può dire che, per fare qualche nome, i Queen siano meglio degli INXS, né che I Police sino meglio dei Rolling Stones e cosi via. Tutti sono magnifici musicisti, ottimi dispensatori di emozioni ed energia positiva.

Ma, sempre per fare qualche nome,  ci sono delle band che hanno maggiomente inciso sulle “sette note” per vari motivi, in particolare, perché hanno lasciato, forse oggettivamente, un segno indelebile. Sicuramente dimenticherò qualcuno e me ne scuso sin da ora aspettando, perchè no, le vostre precisazioni, aggiunte e critiche…

Alcuni dei magici nomi (in ordine sparso) sono: Led Zeppelin, Genesis, U2, Guns ‘n Roses, Pink Floyd. Quattro dalla Gran Bretagna e uno dagli Stati Uniti a conferma che, per questo tipo di musica, il Regno Unito la fa da padrone.

I Led Zeppelin perche’ composti da musicisti sopraffini, veri e propri personaggi, “animali da palco” quattro gemme assolute e con un  John Bonham in più, considerato unanimemente il miglior batterista di sempre avendo anche creato dei grooves ancora oggi imitati e attualissimi. Autori di pezzi storici (Stairway to Heaven, Black Dog, Kashmir, Rock and Roll,Whole lotta Love), dalla grinta inimitabile che sono entrati nell’anima e nel cuore di milioni di persone di più generazioni.

I Genesis perché esempio longevo e trasformista di vena artistica. Hanno attraversato decenni proponendo brano unici e sapendosi reinventare di continuo anche se, i “Talebani della musica” preferiscono sempre e comunque “l’era Gabriel”. Anche qui siamo di fronti a geni della musica capitanati prima da quell’istrione di Peter Gabriel poi dal ritmo fatto persona… Philip David Charles Collins. Senza dimenticare gli altri e le loro innumerevoli “genialate” in cui la muisca raggiunge livelli celestiali quasi inarrivabili. Davvero troppe per citarne alcune…

Gli U2 perché, dal vivo, rappresentano (ora un pò meno data l’età) ciò che più si avvicina alla perfezione con performance storiche come quella al Live Aid del 1985. Con un leader, Paul Hewson detto “Bono Vox“, unico, con una voce calda come poche e una prorompenza straordinaria. Rappresentano, tra l’altro, un raro esempio di longevità di rapporti personali, sembrando oltre che colleghi musicisti anche veri amici. Anche qui vale il discorso precedente: troppi brani da leggenda per poter fare un degno elenco senza dimenticare qualcosa.

I Guns ‘n Roses perché sono un cocktail di tutto ciò che fa parte della musica: tecnica, originalità, carisma, genio e sregolatezza (tanta forse troppa!). Con uno dei front man più eccezionali di sempre forse il primo dopo “sua maestà” Freddy Mercury. William Bruce Rose al secolo Axl Rose e poi Slash e ancora Dizzy Reed e Steven Adler. Si dice che la batteria andrebbe suonata come Steven Adler ha fatto durante il tour mondiale da cui è stato tratto il doppio ” Live Era ’87-’93”. Welcome to the Jungle, Sweet Child o’ mine, You could be mine e un’infinità di altre perle…

I Pink Floyd perché creatori di suoni meravigliosi e dotati di uno stile inconfondibile che ben si esprimeva nei loro magnifici e luminosissimi spettacoli Live. Roger Waters & Co. hanno prodotto capolavori immortali che viaggiano nel tempo ormai da decenni senza essere minimamente intaccati dai gusti che, necessariamente, cambiano. Miti come “The wall” non moriranno mai e, possiamo forse affermare che fanno parte non solo della storia della musica ma proprio della storia dell’umanità.

Fatta questa azzardatissima classifica, sarebbe bello, poter assistere a qualche esibizione di quello che potremmo definire un “dream team” composto da tutti o quasi i migliori elementi dei gruppi citati. Sarebbe davvero un’emozione unica come solo la musica è in grado di offrire. La speranza è l’ultima a morire…

Di nuovo rinnovo le scuse per sicure dimenticanze e altrettanto certi errori e/o omissioni. Ma data la complessità dell’argomento mi auto assolvo sperando di aver stimolato un po’ lo spirito critico di chi avrà la bontà di leggermi.

…SOTTO A CHI TOCCA…

 

 

 

 

 

Annunci

5 thoughts on “Proviamo a dire chi sono i migliori…

  1. La tua carrellata nella storia della musica è assai completa. La mia preferenza va in assoluto ai Queen, seguiti da Beatles e U2, ma aggiungerei anche gli Who, ai quali mi sono interessata dopo aver visto “Tommy” di Ken Russell. Riferendomi a tempi più recenti, io aggiungerei i Muse, che mi paio piuttosto innovativi con le loro particolari sonorità. Buona serata e buon ascolto. 🙂

  2. Gian, te ne sei dimenticato uno…..il numero uno in italia che fa 100.000 persone ad ogni singola data in concerto. VASCO ROSSI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...