In questo girotondo d’anime…

Oggi, anche se dovrei parlare di attualità come da intenti di questo blog, ho un pensiero che mi frulla per la testa e di cui vorrei rendere partecipi tutti voi. Vorrei parlare di reincarnazione.

La reincarnazione, o metempsicosi, è la teoria in base alla quale l’anima, in un percorso di purificazione e di riavvicinamento all’amore divino, si reincarna più volte in vite diverse.

Ci si reincarna sia per “scontare” peccati commessi nelle vite precedenti e quindi purificarsi, sia per accumulare “meriti” (buone azioni, altruismo, perdono, ecc) per raggiungere il fine ultimo cioè quel ricongiungersi all’amore immenso di Dio (come lo chiamano i cristiani) o, comunque, di quell’essere superiore al quale tutti naturalmente tendiamo o al quale ci rivolgiamo nei momenti di bisogno.

Si può essere uomo e nella vita successiva donna o viceversa, si può essere un cane che nella vita successiva (la prima da “umano”) comincerà il suo cammino accidentato verso la “salvezza”.

Ci si può rincontrare nelle varie vite. Se in una vita, l’esperienza comune di quelle due anime non si conclude completamente, queste anime si rincontreranno nelle vite successive, per chiudere i sospesi. Si può essere madre e figlio e poi trovarsi in un’altra vita come marito e moglie o come fratello e sorella o ancora come migliori amici. O un cagnolino sarà il fratellino del suo padrone passato….

Una delle massime obiezioni da parte degli scettici è basata sul perchè non possiamo ricordare le vite precedenti. Credo che la risposta sia abbastanza scontata. Considerata la natura umana, fallace e imperfetta, è molto più facile che molte delle nostre vite siano costellate di fatti non molto edificanti, addirittura a volte di fatti gravi, di tragedie. Ce la faremmo a sopportare tutti questi ricordi tragici? Sopporterebbe la nostra mente tutta questa sequela di misfatti, il nostro essere sopporterebbe tutto il senso di colpa?

Chi crede in questa teoria, sostiene che la nostra anima, prima di reincarnarsi nella prossima vita, si sceglie proprio la vita che gli consentirà di “lavar via” più peccati, anche se vivere questa vita significherà soffrire molto.

I suicidi, purtroppo, che non riescono a sopportare questa vita, saranno forse “condannati” a ripeterla, finchè non riusciranno a portarla a termine.

In quest’ottica riusciamo anche a spiegare alcune delle “ingiustizie” che vediamo nelle storie di tutti i giorni: bambini piccoli che muoiono, genitori che soffrono, bambini con gravi handicap…. E’ dura da sopportare, ma vista nell’ottica della reincarnazione, tutto ha come spiegazione che quell’anima doveva fare quel tipo di esperienza perchè magari in una vita precedente aveva causato dei dolori a molte persone.

Di solito, i bambini sono quelli che riescono a “ricordare” di più le vite precedenti. A volte possono rimanere ricordi di altri fratelli, di altri nomi….

Ci sono stati molti studiosi che hanno dedicato la propria vita a dar fondamento a questa teoria. Spesso ricorrendo alla tecnica dell’ipnosi regressiva grazie alla quale si riesce a far “tornare indietro” alla vita precedente i pazienti per poi cercare riscontri nei registri anagrafici e via dicendo.

Ci sono casi eclatanti di bambini venuti al mondo con delle cicatrici di arma da fuoco, che dicevano di chiamarsi in un altro modo e di vivere da un’altra parte che, sottoposti ad ipnosi regressiva, hanno fornito elementi, tutti poi riscontrati, di essere morti uccisi da un proiettile, di chiamarsi in tal modo e di vivere dove avevano dichiarato in questa vita.

In questo modo si spiegano anche i casi dei bambini prodigio: bambini che già piccolissimi sanno suonare uno strumento, o sono dei piccoli geni matematici. Probabilmente nella vita immediatamente precedente erano dei musicisti o delle persone che insegnavano o studiavano la matematica.

Ci si può credere oppure no ma resta, secondo me, una teoria interessante, misteriosa, che ha come fine ultimo quello del Bene di cui abbiamo tutti tanto bisogno.

…SOTTO A CHI TOCCA…

Annunci

One thought on “In questo girotondo d’anime…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...