Le rivoluzioni di un genio…Steve Jobs.

In questo terzo week-end di vita di questo mio blog, vorrei parlare un po’ di una persona che reputo importante, di una persona che ha lasciato il segno nella vita di molti.

Sono passati quasi due anni dalla morte di Steve Jobs, dell’uomo che ha cambiato il mondo in molti settori, dall’informatica alla musica passando per il cinema per finire all’imprenditoria. Jobs è stato un reale genio fondando l’azienda informatica più importante della storia dell’umanità ed introducendo sistemi e dispositivi che sarebbero stati destinati a cambiare il mondo. Partito da un garage con il suo fedele amico Steve Wozniak ha creduto sin dall’inizio alla bontà del suo progetto e delle sue idee rivoluzionarie e, a giudicare da cosa rappresenta Apple oggi, ha avuto ragione.

Dopo alcune difficoltà iniziali dovuto allo scetticismo di molti e alla mancanza di investitori coraggiosi, Steve è riuscito a dare la svolta alla sua e alla nostra vita. I primi dispositivi “inventati” non ebbero, in effetti, il successo sperato perché costringevano le persone, abituate ad un certo sistema informatico, ad allargare i propri orizzonti, a vedere oltre, insomma a pensare differente (THINK DIFFERENT). Ma Steve sapeva che prima poi lo avrebbero capito in tanti e con il lancio del primo iPod i fatti gli diedero ragione. Inventò un dispositivo che consentiva di poratre con sé tutta la musica preferita, un oggetto tascabile, maneggevole e, soprattutto facile da usare. L’eccellenza era per Steve la semplicità, sia nell’uso sia nell’estetica. Apple attirò cosi moltissimi clienti estimatori e soprattutto investitori che consentirono la crescita di questa straordinaria azienda.

Poi, accanto ai Mac, arrivarono IPhone, IPad, Apple tv e via dicendo (non devo certo essere io a farvi conoscere i prodotti Apple) che ebbero e tutt’ora hanno un successo strepitoso, diventando quasi degli oggetti di culto, per estimatori. Chi possiede Apple non cambia più mentre chi possiede dispositivi di altri brand (peraltro ottimi) tendono quasi sempre ad aspirare ad avere Apple.

La rivoluzione culturale di Steve Jobs riguarda la musica perché ha appunto inventato un sistema di portabilità della stessa che è unico con ITunes, un’interfaccia dalle potenzialità infinite. Pensiamo ad ITunes in abbinamento con Apple Tv…pazzesco!

La rivoluzione comprende il campo dell’informatica con i nuovi sistemi operativi di Apple, il campo cinematografico, sì perché Steve ha fondato la Pixar che tramite l’informatica ha prodotto capolavori di animazione che nessuno mai prima aveva fatto o pensato di poter fare e che nessuno mai eguaglierà se non la Pixar stessa e infine anche il campo dell’imprenditoria facendo della sua azienda un modello da imitare facendo dei suoi prodotti delle icone che ahimè molti hanno imitato. Ricordiamoci il touch screen che ha non solo rivoluzionato il campo della telefonia mobile ma anche, in taluni casi, quello degli apparecchi medicali. Ricordiamoci le presentazioni dei prodotti che Steve “conduceva”…veri e propri eventi mediatici mondiali. Pensare in grande per un prodotto grande che ribalterà le mode.

Il suo motto era,come sapete, “Stay Hungry Stay Foolish” perchè lui era così, affamato e folle. Affamato di novità, di perfezione, di semplicità e di rivoluzione e folle quanto basta per crederci e per convincere gli altri.

A me piace ricordarlo come un vero genio, forse l’unico dei nostri tempi, che come tale guardava il futuro con la lente di ingrandimento dei suoi sogni…grazie Steve!

…SOTTO A CHI TOCCA…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...